Approfondimenti

Approfondimenti tematici

  • La katana, la spada giapponese - Con l’arco, la spada era l’arma di uso esclusivo dei samurai. La lunga katana (in alto) e la corta wakizashi (al centro) venivano portate al fianco, mentre il pugnale tantō (in basso), lungo fino a 30 cm, si portava sulla schiena.

    Continua

  • I Samurai - Vita e morte dei samurai, servi guerrieri e signori di arco e katana del periodo d’oro del Giappone. Addestrati al dovere e alla fedeltà assoluta: servi per definizione e prima di tutto, ma anche membri di un’élite dai mille privilegi. L’universo congelato nel tempo dei samurai ha ispirato interi filoni di letteratura e cinematografia: ma chi erano davvero i samurai? Ecco la loro storia e varie curiosità sulla vita (e sulla morte) dei signori della guerra giapponesi. Qual è l’origine…

    Continua

  • Hokusai - In occasione della mostra dell’artista al British Museum di Londra, le sale cinematografiche italiane ospitano il film evento che guida gli spettatori attraverso la vita e le opere del pittore che fece innamorare Monet, Van Gogh e Picasso. Hokusai, classe 1760, è l’artista giapponese che più di ogni altro ha rivoluzionato la storia dell’arte moderna occidentale. La sua opera più conosciuta, ‘La grande onda’, è così famosa da essere stata copiata e riprodotta quanto la ‘Monna Lisa’ di Leonardo. Con…

    Continua

  • Lo stretching - Lo stretching, secondo alcuni, è indispensabile alla fine di ogni allenamento perché aiuta i muscoli a rilassarsi evitando indolenzimenti. Altri, però, lo ritengono inutile e in alcuni casi addirittura dannoso. La confusione sullo stretching è tanta. Con l’aiuto di Antonio Parolisi, personal trainer, osteopata e professore a contratto al Dipartimento di Scienze motorie e del benessere Partenope di Napoli, cerchiamo di chiarirci le idee. E di sfatare i 5 miti più diffusi sullo stretching Lo stretching va sempre fatto prima…

    Continua

  • Il Dojo - Se entrate in un Dojo ben rigovernato, lavato e ben pulito, il “cuore” trova immediatamente conforto. Io credo fermamente che la pratica quotidiana del corpo e dello spirito si manifestino anche così. Per fare del suo meglio, ciascuno dovrebbe, prima e dopo l’allenamento, offrirsi di pulire completamente il Dojo. La pulizia permette di mettere le cose al loro posto, di classificarle ed ordinarle. Si tratta di un buon allenamento sia sul piano fisico che su quello mentale. Quando ero Uchi-Deshi,…

    Continua

  • tempo Come il cervello tiene il tempo - La dimensione temporale assume nelle arti marziali un’importanza vitale. Dal tempismo nell’evitare un attacco dipende la risoluzione di qualsiasi azione. Un’errata valutazione del tempo renderà inutile l’applicazione di qualsiasi tecnica. È quindi necessario cogliere il tempo, avere la percezione del momento giusto. (L’Aikido possibile. Un passo sul tatami di Elena Gabrielli)   Una ricerca fa luce sul meccanismo neurale che permette di stimare il tempo che manca al compimento di un’azione. E rivela che i neuroni lavorano in sequenza per…

    Continua

  • kamiza Perchè il cervello ama i rituali - Sembrano esulare da ogni comune logica, eppure ne seguiamo moltissimi, e guai a cambiarli di una virgola: che cosa ci spinge ad apprezzare, e creare rituali? Nei più freddi giorni invernali, quando gli altri si stringono nei cappotti, alcuni intrepidi nuotatori sfidano il gelo per tuffarsi nelle acque ghiacciate dei fiumi di Europa, Cina, Russia e Nord America. Che cosa li spinge a una simile “follia”? La passione che il cervello umano ha per i rituali, complesse sequenze di azioni…

    Continua

  • neurone Il neurone dell’Aikido - Se Ai in quanto unione e armonia è, nella pratica come in teoria, l’elemento caratterizzante dell’Aikido, i neuroni specchio recentemente scoperti da un gruppo di neuroscienziati coordinati da Giacomo Rizzolati a Parma, potrebbero essere considerati “i neuroni dell’Aikido”. Questi neuroni possono “attivare nel nostro cervello rappresentazioni neurali di azioni motorie simili a quelle che percepiamo o ci attendiamo in altri”. Ora sappiamo che la nostra capacità empatica di metterci al posto degli altri avviene in modo inconscio, indipendentemente da una…

    Continua

  • judo keiko fukuda Keiko Fukuda - Quando l’amore per la pratica dura una vita Nipote di un samurai e ultima allieva ancora in vita del fondatore del judo, è morta a San Francisco, due mesi prima di compiere i cento anni. Alta un metro e 47 centimetri, Fukuda nel 2011 aveva ottenuto il grado di Dan (cintura nera) di decimo livello, unica donna al mondo e unica persona negli Stati Uniti ad avere raggiunto questo riconoscimento.   Dopo il suo trasferimento negli Usa, la judoka gestiva…

    Continua

  • Fluidità e dinamica del movimento: Osteopatia e Aikido - Il principio della fluidità e armonia del movimento nello sviluppo delle tecniche in Osteopatia Roma, 4 Dicembre 2012 Daniele della Posta D.O. Elena Gabrielli VI dan Aikido Perché questo seminario!? Durante il percorso di studi (che non termina con il conseguimento del diploma) ogni osteopata incontra altre discipline che esplorano il significato della vita e della salute dell’uomo, secondo i principi fondanti che se comparati ci mostrano non solo la loro similitudine, ma addirittura la loro sovrapponibilità, come appunto accade…

    Continua

  • Aikido: trovare il suo futuro nel suo passato - Un vecchio proverbio giapponese recita: “Cerca nel passato se vuoi conoscere il futuro”. Studiare la storia migliora la nostra comprensione dei valori attuali ed induce a riflettere sulle proprie esperienze ed azioni, e ad inquadrarne il significato nel più ampio contesto dell’esperienza dell’umanità intera. La vostra strada diventa così più facile e si attenua la possibilità di incorrere in errori. Il futuro viene perciò affrontato con maggior senso della realtà e quindi con maggior capacità di avvicinarlo creativamente. Questo è…

    Continua

  • Reishiki - “Il cerimoniale non deve esistere per rispettare qualche antica abitudine, ma per stabilire nel presente un atteggiamento di rispetto, di amore, di umiltà.” Michel Coquet  In un corso dove gli allievi sono bene educati, sarà più agevole il compito dell’insegnante e più facile l’inserimento del nuovo arrivato. Gli allievi più anziani spiegheranno al nuovo compagno in modo naturale ed immediato: – quale dovrà essere il suo posto, – come dovrà posizionare gli zori, – che all’inizio ed alla fine di…

    Continua

  • Aiki-Do - Premessa Chi ha avuto la fortuna di vedere alla televisione italiana il Prof. Morihei Ueshiba, più che ottantenne, difendersi dallo assalto contemporaneo di vari uomini nel pieno vigore delle forze, sarà rimasto sorpreso di vederli proiettare lontano senza sforzo, con una precisione, una agilità ed una armonia di movimenti che avrebbero stupito anche in un giovane. Questo è l’Aikido nella perfetta esecuzione del suo ideatore, la prova della potenza che l’uomo può raggiungere quando lo spirito e il corpo, la…

    Continua

  • cascata AIKIDO interventi – LO SPIRITO DELL’AIKIDO -   L’articolo d’apertura di questo numero porta l’autorevole firma di Shigenobu Okumura, Shihan, membro del corpo didattico dell’Hombu Dojo. Tema in esame: il vero senso della pratica quotidiana. Ogni giorno ho la grande fortuna di potermi allenare con gente di ogni parte del mondo; e con l’aumentare delle ore di pratica assieme e dell’abitudine del contatto dell’uno con l’altro, mi accorgo che la situazione cambia. All’inizio ci si scambia solamente un saluto, ma in seguito notiamo che la nostra originaria…

    Continua

  • Motokage Kawamukai Sensei (1995) - Maestro Kawamukai si presenti ai lettori di Quaderni d’Oriente. Svolgo la professione di ingegnere, lavoro nel campo ottico e produco lenti a contatto, materiali di consumo per chirurgia, ed altri tipi di materiale specifico. Per quanto riguarda l’aikido sono un insegnante fuori dagli schemi in quanto non pratico professionalmente, nel senso che l’aikido non è la mia fonte principale di guadagno, però se qualcuno mi chiede di insegnargli una Via che conosco, io mi sento obbligato ad insegnare i principi…

    Continua

  • A colloquio con Christian Tissier (2000) - A colloquio con Christian Tissier, unico occidentale a sedere nel gotha dell’aikido Aikikai di Monica A. Rossi Torino i primi di giugno; gli aikidoisti della Uisp (Unione italiana sport per tutti) festeggiano il decennale dell’insegnamento di Christian Tissier in Italia. Questo maestro francese, settimo dan (è l’unico maestro occidentale con questo grado nell’Aikikai ed è anche l’unico occidentale chiamato a sedere nella direzione didattica a Tokyo), presta in Italia il suo insegnamento in esclusiva per la Uisp e, grazie a…

    Continua

  • Un po’ di Aikido al femminile (2005) - Interviste semiserie a delle vere guerriere  – Elena Gabrielli V dan di Simona Zamboni Stile di Aikido? ( non so in che altro modo mettere…questa domanda) Chiarissima la domanda. Credo, però, che non essendoci state divisioni , né la nascita di scuole diverse alle origini , nell’Aikido non si possa parlare di scuole o di stili. Lo “stile” diventa quello personale di un insegnante e naturalmente più ha valore l’insegnante più acquista credibilità e valenza il gruppo che lo segue…

    Continua

  • L’Hakama ed il suo significato – Mitsugi Saotome - Quando ero uchi deshi con O Sensei, ognuno di noi doveva indossare l’hakama per la pratica fin dal primo istante in cui ci si presentava sul tappeto. Non esistevano regole circa il tipo di hakama da indossare, per cui il dojo era un luogo piuttosto variopinto. Si vedevano hakama di ogni genere, di tutti i colori e qualità, dall’hakama da kendo all’hakama a strisce usato nella danza giapponese, dai costosi hakama di seta chiamati sendai-hira. Scommetto che qualche principiante le…

    Continua

Commenti chiusi